Qui allo Standard B&B questi biscotti li trovate sempre.

È una ricetta che ci ha sempre accompagnato fin dall’apertura e non dovete per forza aspettare la mattina a colazione per gustarne uno perché sono sempre lì nell’angolo del tè e del caffè sempre a disposizione dei nostri ospiti.

Da oggi ve li potete anche comodamente preparare a casa seguendo la ricetta che trovate qui di seguito.

Sono facilissimi da fare e vi possono aiutare anche dai bimbi in cucina.

Vi lascio anche la storia di questa ricetta e quello che per me c’è dietro al sapore di questi biscotti.

Prima di iniziare quest’avventura nel mondo dell’accoglienza ho lavorato in un bellissimo Centro Culturale immerso nel cuore della Toscana: il Funaro – Centro Culturale

È un luogo dove anch’io ho lasciato una piccola parte di me, un luogo che nel tempo è diventato una parte di me e dove ho scoperto qualcosa di prezioso che mi ha portato fino a qui.

Al Funaro mi sono trovata spesso a preparare la colazione agli ospiti che passavano la notte nella foresteria del centro. Mi sono così accorta che quel momento, per me che ero dalla parte della macchina del caffè e la mattina preparavo la tavola, era prezioso e mi procurava un immenso piacere.

Poteva capitare di preparare il caffè o il cappuccino agli artisti che erano lì in residenza a provare uno spettacolo o magari ai ragazzi che passavano al Funaro il fine settimana per un laboratorio professionale.

La dimensione era sempre quella “casalinga” perché il mattino la caffetteria del centro culturale non è aperta al pubblico e sapevi sempre chi avresti accolto, proprio come succede qui allo Standard B&B.

Dopo qualche mattina insieme imparavi anche a conoscere gli ospiti, i loro gusti e le abitudini del mattino.

A me quelle chiacchierate poco dopo il risveglio profumate di caffè, pane tostato e giornali freschi mi risuonano ancora dentro.

La stessa cosa capita ora qui allo Standard B&B dove ogni mattina cerchiamo di accogliere nel migliore dei modi possibile i nostri ospiti perché sappiamo che un buon risveglio può essere la chiave giusta per iniziare la giornata nel migliore dei modi.

Vi lascio con la ricetta dei biscotti con le gocce di cioccolato che per me sono e rimarranno i “biscotti del Funaro” che preparavano prima la Marta poi Paolo, anche se la ricetta di Paolo – meglio conosciuto come il Bacionci non è la stessa.

Buon divertimento e buon appetito!

BISCOTTI DEL FUNARO

Qui vi lascio la dose per circa 25/30 biscotti, io solitamente la raddoppio per averne una piccola scorta e uso il bimby per impastarli ma non è assolutamente uno strumento indispensabile. Potete benissimo usare un altro robot o meglio ancora un’impastatrice o anche una semplicemente una ciotola, una frusta e il famoso “olio di gomito”

ingredienti:

150 grammi di zucchero di canna

90 grammi di burro freddo a pezzetti

1 uovo

190 grammi di farina 00

125 grammi di gocce di cioccolato

1/2 cucchiaino di lievito per dolci

un pizzico di sale.

Procedimento:

Accendere il forno e portarlo a a 180°C

Polverizzare lo zucchero di canna fino a farlo diventare zucchero a velo, se non riuscite a polverizzarlo non statevi a fare dei problemi perché i biscotti verrano lo stesso benissimo.

Aggiungere il burro freddo a pezzetti e mescolare fino ad ottenere un composto omogeneo e cremoso.

Aggiungere l’uovo e mescolare bene.

Aggiungere la farina il lievito e il pizzico di sale e mescolare fino ad ottenere un impasto omogeneo.

Aggiungere infine le gocce di cioccolato e mescolare.

L’impasto è pronto.

Preparate una tazza con dentro un po’ di acqua e bagnatevi le mani per preparare delle piccole palline e disporle ben distanziate su una teglia coperta con la carta forno.

In una teglia di normale grandezza ci stanno circa 16 o 20 palline, considerate che durante la cottura si scioglieranno e assumeranno la forma dei biscotti.

Infornare per 15 minuti circa a 180°C

Godetevi il profumo di biscotti che riempie la vostra cucina.

Appena sfornati i biscotti risulteranno morbidi: niente paura, è tutto normale, lasciateli raffreddare, meglio se su una griglia.

Resistete  ancora un po’ prima di mangiarli!

Sono perfetti preparati la sera per la mattina successiva.

Potete anche conservarli qualche giorno in una scatola di latta o in un barattolo ben chiuso.

Leti